Osteopata Firenze


347/2820295
Via Masaccio, 235 Firenze
Via Ungheria, 32 Firenze
347/2820295 Via Masaccio, 235 Firenze Via Ungheria, 32 Firenze

blackbirdNel giardino di mio nonno, circondato da varie siepi ed alberi, spicca alto un grande Ciliegio.
Dopo l’esplosione di fiori bianchi a cavallo tra marzo ed aprile, giunge finalmente il tempo delle tanto amate ciliegie.
Mio nonno era solito coprire con una grande rete il ciliegio per salvare i succosi frutti dai merli, che appostati, ed in sorvolo, tentavano di trovare un pertugio per poter nutrirsi delle prime ciliegie della stagione.
Quest’anno la protezione dell’albero è passata a mio padre, il quale ha deciso di non mettere la rete, reputandola inutile, tanto i merli in qualche modo entravano lo stesso.

Questa decisione mi ha permesso di godere di uno spettacolo nuovo ed insolito: decine di merli ed altri tipi di uccelli che banchettavano con quelle che avrebbero dovuto essere le “nostre” ciliegie. Senza competizione, gliele abbiamo lasciate.
Abbiamo perso qualche ciliegia, ma abbiamo goduto di una bellezza tanto delicata quanto dimenticata.

Noi pensiamo di poter dominare e confinare la natura alle nostre regole, ma è proprio nel momento in cui decidiamo di lasciarla esprimere che ne possiamo osservare l’immensa bellezza: ogni cosa è al suo posto, ogni cosa ha un suo senso, e una semplice ciliegia, sfiziosa per l’uomo, è lauto pasto per gli uccelli, che così popolano il giardino coi loro canti e sorvoli.

Questo aneddoto mi ha portato a riflettere molto sulla mia professione e sul mio ruolo nei confronti dei miei pazienti. 

INFORTUNIO-SPORTIVOCome gestire un infortunio ad un muscolo od un articolazione è un tema che da sempre divide le piazze: nella mia breve e disastrosa carriera sportiva ho potuto sentire di tutto in campo in presenza di un povero infortunato!
Improvvisamente dal nulla viene fuori quello che sa tutto di infortuni “perchè mi è successo mille volte” oppure quello che “l’ho visto fare in tv!” mettendo le mani sul malcapitato di turno che si trova impossibilitato a scappare (per sua sfortuna).

Ma come si gestisce davvero un infortunio sportivo?

Nella mia carriera lavorativa ho avuto occasione di lavorare anche sul campo, ecco quindi che vi posso riassumere brevemente alcuni semplici consigli per una gestione fai-da-te più adeguata, per evitare di peggiorare la situazione del malcapitato infortunato!