Osteopata Firenze


347/2820295
Via Masaccio, 235 Firenze
347/2820295 Via Masaccio, 235 Firenze
reflusso-osteopatia

reflusso-osteopatiaNonostante l’avanzamento nella medicina moderna, i problemi digestivi continuano ad essere un problema per molte persone.  Bruciore di stomaco, reflusso gastroesofageo, difficoltà di digestione, sono infatti sintomi che si riscontrano spesso nelle persone che vengono nel mio studio di osteopatia a Firenze per una prima visita. 

Di base sembra qualcosa con la quale si può convivere, ma la realtà è che questi problemi testimoniano che qualcosa nel corpo non sta funzionando come dovrebbe. Tali sintomi, sopratutto il reflusso, se si trascurano negli anni possono portare anche problemi più gravi.

Continua a leggere

osteopatia-cefaleaCome può l’osteopata essere d’aiuto in caso di mal di testa? 

Il lavoro dell’osteopata non è solo quello di “scrocchiare le ossa”.
Questo tipo di tecniche sono solo una parte del lavoro dell’osteopata.

Il lavoro dell’osteopata è quello di trovare cosa nel corpo sta funzionando scorrettamente, cosa sta causando uno squilibrio, che sta provocando un sintomo. 

Questo sintomo, può essere appunto anche il mal di testa.

Continua a leggere

Osteopata-mal-di-schiena

mal-di-schiena-osteopatiaTra i molti rimedi che si possono trovare per il problema del mal di schiena, l’osteopatia è sicuramente uno dei più efficaci.
Infatti, l’osteopata p
er un problema come il mal di schiena, può essere davvero d’aiuto per ridurre il dolore già dopo la prima seduta. 

L’osteopatia è una medicina manuale complementare alla medicina tradizionale, questo significa che collaborando possono raggiungere grandi risultati, e la soluzione del mal di schiena è un classico esempio di ciò.
Ci sono casi in cui il trattamento deve essere più medico-farmacologico che manuale, ma altri in cui, se il farmaco non riesce a risolvere il problema, l’osteopatia può ottenere davvero grandi risultati! 

Continua a leggere

epicondiliteQuando subentra un dolore, così, all’improvviso, spesso ci si chiede: qual è la causa del mio dolore? come potevo prevenirlo?
I miei pazienti nel raccontarmi il loro dolore cercano di collegarlo ad un movimento errato fatto giorni o mesi prima, oppure ad una vecchia ernia o tendinite diagnosticata anni fa.
La realtà però spesso è diversa, ed alla base del dolore ci sono situazioni diverse, che vanno ben distinte e riconosciute per poter risolvere il problema, prenderne coscienza, e poterlo prevenire!

Come osteopata mi occupo di questo, non solo di risolvere quando possibile il dolore, ma cerco anche di far prendere coscienza al paziente di come questo dolore è nato, e di come fare per riconoscere i campanelli d’allarme che il corpo ci lancia prima di iniziare a lamentarsi con un dolore. 

Per capire meglio il dolore e la sua origine, ho diviso le mille possibili cause in tre grosse categorie:
1 – dolore da danno biologico
2 – dolore da sovraccarico locale
3 – dolore da sovraccarico generale

Continua a leggere

flamingo-310950_1280Spesso quando un paziente si rivolge a me per mal di schiena,  riporta nei suoi racconti di avere “una gamba più lunga dell’altra”. Alcune  volte lo segnala come cosa passeggera, altre volte invece con la faccia di chi è destinato a soffrire tutta la vita per questo problema.

Con questo articolo intendo sfatare un falso mito su questo argomento, e spiegare come può succedere che si cada in questo fraintendimento. 

Una gamba più lunga o più corta “reale” è possibile per difetti di sviluppo nella pancia della mamma (ma sono percentuali minime), per brutte fratture che hanno modificato l’osso, per esiti di protesi o interventi, e grave artrosi. 

Quando ho fatto l’università c’erano diversi modi per misurare col metro da sarta la lunghezza di una gamba, ma viene da sé che spostando di poco il metro più giù o più sù, sia facile raccontarsi che la gamba è più lunga di mezzo centimetro o altro. Quando infatti il medico sospetta una situazione simile, solo la lastra su carta millimetrata può togliere ogni dubbio, ma, come già detto, è una condizione abbastanza inusuale. 

Continua a leggere

epicondilite-osteopatiaL’epicondilite è una condizione di infiammazione di muscoli e tendini dell’avambraccio che può avere diverse origini, ma che bisogna curare appena compare, senza trascurarla, per evitare che diventi cronica. 

Epicondilite: qual è la causa?

I muscoli che si infiammano in un’epicondilite sono i muscoli che nascono dal gomito, scendono lungo l’avambraccio, e arrivano al polso ed alla mano. Questo è il motivo per cui spesso questo fastidio può comparire dopo un’attività manuale importante. I casi più frequenti sono per esempio il giardinaggio saltuario (si fanno sforzi a cui non si è abituati) oppure attività lavorative che possono predisporre, come idraulico, meccanico, o muratore. Il dolore si presenterà a sollevare oggetti, o stringere forte la mano, nei casi più gravi può comparire dolore anche muovendo la spalla. 

Continua a leggere

osteopatia-sportivoQuando si parla di sportivo, subito la mente va al calciatore professionista, oppure agli atleti azzurri che ogni quattro anni ci rappresentano alle olimpiadi.
Esiste però un “sottobosco”, fatto di migliaia di persone che di giorno lavorano e la sera, la mattina presto, od il weekend, cambiano gli abiti per dedicarsi allo sport a livello più o meno agonistico.
Sebbene questa attività fisica sia fondamentale per la salute, a volte può anche nascondere delle insidie.
Il problema però non nasce dall’attività in sé, bensì dal fatto che si chiede al proprio corpo uno sforzo specifico dopo aver trascorso una giornata, o una settimana, di relativa sedentarietà.
Per una persona che nello sport trova la sua valvola di sfogo allo stress fisico, alle tensioni emotive, per chi si appassiona ad uno sport od un gesto atletico, essere costretto ad un periodo di stop per una tallonite, una tendinite, od una distorsione, può essere un vero problema!
In questi casi, se non vuoi che un infortunio ti fermi impedendoti di fare sport, l’osteopata è il professionista adatto a te!

Continua a leggere

tunnel-carpaleDolore al polso o alla mano.
Formicolio di una parte della mano, spesso notturna.
Gonfiore alla mano.
Alterazioni temporanee della sensibilità alla mano.

Questi quattro, comunissimi sintomi, fanno scattare spesso la preoccupazione nelle persone, e visto che le mani sono un bene prezioso, subito scatta l’allarmismo. 

Ma tranquilli, non è tunnel carpale!

Continua a leggere

osteopatia-gravidanzaMolte donne sottovalutano, perchè non adeguatamente informate, le conseguenze posturali che può avere la cicatrice del taglio cesareo.
Ovviamente, quando ci si trova di fronte ad un parto cesareo, specie se non programmato, la primarietà è la salute della mamma e del bambino: non intendo quindi criticare questa scelta operativa, la cui decisione spetta a professionisti competenti.

Dopo che sono però passati i periodi più difficili, dopo che si è superato un momento comunque delicato come quello del parto, è giusto anche occuparsi delle conseguenze che ci possono essere, specie per la salute della mamma. 

Continua a leggere

osteopatia“I mal di testa non sono tutti uguali” lo diceva anche una famosa pubblicità che veniva utilizzata per promuovere una pasticca da prendere al bisogno, qualcosa che toglie il sintomo, ma che non risolve la causa.
Per quanto non sia in sintonia con questo approccio al problema, lo slogan è corretto, infatti davvero i mal di testa non sono tutti uguali! Alla base ci possono essere cause ormonali, come quando compare prima o durante il ciclo mestruale, può derivare da uno stile di vita errato o intossicazione (mal di testa dopo aver bevuto troppo), oppure può esserci il classico mal di testa di origine cervicale, che ciclicamente compare senza un motivo apparente. Lo slogan di partenza è lo stesso, “I mal di testa non sono tutti uguali”, ma quello che ti propongo in questo articolo è qualcosa di diverso, non una pillola da prendere al bisogno, ma una spiegazione su alcune cause frequenti, e qualche consiglio per sconfiggerlo una volta per tutte!

Continua a leggere

Page 1 of 3123