Osteopata Firenze


347/2820295
Via Masaccio, 235 Firenze
Via Ungheria, 32 Firenze
347/2820295 Via Masaccio, 235 Firenze Via Ungheria, 32 Firenze

Dolore-pain Nel precedente articolo abbiamo visto come il dolore possa nascere da processi biologici differenti in base alla tipologia di dolore.
Andiamo ora a vedere come un dolore biologico possa essere percepito in maniera differente dalle persone, oltre a conoscere meglio un segno spesso poco considerato, il dolore viscerale riflesso.

DOLORE-PAINIl motivo principale per la quale le persone si rivolgono a me è il dolore.

Tutti noi prendiamo in considerazione un trattamento di fisioterapia solo quando il dolore ci costringe a farlo, per questo ho deciso di scrivere questo articolo, per fare chiarezza su un concetto, il dolore, non per forza scontato.

Per aiutarvi a conoscere e riconsocere il dolore, in questo primo articolo parlerò delle caratteristiche biologiche del dolore, nel prossimo articolo invece si farà luce sulle caratteristiche psico-sociali del dolore.

Sotto il termine “dolore” si racchiudono una serie di sensazioni che sicuramente nella vita abbiamo provato tutti.  Già dall’inizio del ‘900 la medicina cercava di indagare e racchiudere in una definizione tutto ciò che aveva a che fare con l’esperienza del “dolore”.

I primi tentativi di definire il “dolore” furono abbastanza goffi, venne descritto come una esperienza che tutti abbiamo provato, e come una sensazione spiacevole in seguito ad un danno fisico.

Decenni dopo, lo sviluppo della ricerca ha permesso agli studiosi di essere più precisi, fino ad arrivare ai giorni nostri dove oltre al danno biologico vengono prese in considerazione anche le emozioni negative legate al danno o anche ad una minaccia di danno.

Dal punto di vista biologico il dolore si divide in tre categorie:

  • nocicettivo
  • infiammatorio
  • neuropatico.

Per un terapeuta, che sia medico o fisioterapista, riconoscere la natura del dolore è importante per offrire le migliori cure possibili al paziente.

esercizi-mal-di-schiena

Il mal di schiena è un problema che affligge tante persone e si sta diffondendo sempre di più, complice anche uno stile di vita a volte un po’ troppo sedentario.

A causa del dolore molti cercano un rimedio che sia efficace e rapido al tempo stesso, rischiando però a volte a cadere in trappole architettate su misura.
Per il mal di schiena non esistono purtroppo rimedi miracolosi come quelli in TV dove torni a ballare dopo una semplice compressa, ma sicuramente, se la schiena è il vostro punto debole potete sfruttare questi semplici esercizi (alla portata di tutti) che si possono fare sia per prevenire, che per migliorare una situazione di malessere.

Come dico sempre, la soluzione per il mal di schiena è una visita dall’osteopata che aiuti a capire la causa del problema, tuttavia, un po’ di esercizi non fanno mai male!

Esercizi mal di schiena; come gestire il dolore e prevenirlo

Sono sempre di più gli studi scientifici che stanno dimostrando l’efficacia di semplici esercizi per prevenire o gestire un “semplice” mal di schiena: certe situazioni partono come banali e si possono gestire facilmente, ma queste stesse situazioni, se trascurate, possono arrivare a necessitare di costose e impegnative terapie: la prevenzione è fondamentale!
Il termine “mal di schiena” vuol dire un sacco di cose: può significare semplice rigidità, e allora questi esercizi sono un ottimo rimedio, oppure può significare qualcosa di più complesso, che a volte necessita anche della supervisione del medico!

torcicollo-rimedi-sintomiRimanere bloccati con il collo è una sensazione spiacevole che molto spesso si manifesta senza preavviso: molte volte ci si alza la mattina con il collo bloccato, si imputa la colpa al cuscino, alla posizione notturna, od allo stress, senza però capire quale sia davvero la causa ma sopratutto il rimedio! Finchè si tiene il collo “come vuole lui” tutto bene, ma basta che ci sia bisogno di girarsi dal lato sbagliato che di colpo è come se una spada si infilasse tra i muscoli lasciandoci a volte anche senza fiato!

Cerchiamo allora di capire meglio: da dove viene il torcicollo? quali possono essere i rimedi?

Sintomi e cura di questa sconosciuta.

lesione-cuffia-dei-rotatoriOggetto misterioso riguardante la spalla, la cuffia dei rotatori è sempre la principale indiziata quando si accusa un dolore alla spalla.
La spalla è l’articolazione con più libertà di movimento che il corpo umano possiede. Per potersi muovere così tanto è raggiunta da molti muscoli che ne garantiscono stabilità e mobilità.
Come un burattino appeso a molti fili, se uno di questi si rompe o si annoda, il movimento del burattino non sarà più fluido ed armonico come prima.

Ma cosa è esattamente la cuffia dei rotatori? e cosa succede se si lesiona davvero? Cerchiamo di capirlo insieme!

 

epicondiliteCosa fare se il dolore non passa con il solito antinfiammatorio?

Può capitare a tutti di avere da tempo od ogni tanto un dolore al polso inspiegabile. Anche il famoso “gomito del tennista”, in termine tecnico epicondilite, può venire fuori senza un apparente motivo; nessuna paura, antidolorifico e passa la paura! Certo…ma poi che fare se torna il dolore?

“La mente non è un vaso da riempire ma un fuoco da accendere” (Plutarco)

relazione-terapeuticaOgni volta che un paziente entra nel mio studio la cosa più importante che devo fare è sgomberare la mia mente: è fondamentale per me poter consentire che esigenze e particolarità del paziente vengano fuori, tutte insieme o piano piano.
gni paziente entra da quella porta con delle aspettative diverse, con un dolore diverso, con una storia diversa: il più grande errore che potrei fare sarebbe quello di dire: “ho già capito tutto”.
Anche la ricerca scientifica in medicina, strumento di studio più importante presente al giorno d’oggi, dopo aver raccolto dati su dati con campioni sempre maggiori, si sta rendendo conto che la persona non può essere ridotta ad un numero, avulsa dal suo contesto.

Come fare a capire quando lo stress ci sta consumando tutte le energie?

sintomi-stressSecondo l’Agenzia Europea per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro, il 55-60% delle giornate di lavoro perse sono conseguenza dello stress..decisamente troppe se il tuo lavoro e il tuo futuro dipendono da te e dal tuo stato di forma, fisico e mentale!
Nessuno al giorno d’oggi può permettersi che lo stress gli faccia perdere brillantezza, tempo, ed energie, compromettendo il risultato di un progetto o di un contratto!
Diventa così importante riconoscere i sintomi dello stress per poterli gestire senza farsi cogliere impreparati.
Ma come funziona lo stress? Come riconoscere i sintomi prima che sia troppo tardi?

esercizi-stress-rilassamentoSpesso lo stress è nostro compagno di vita dalla mattina appena ci si alza, e non ci abbandona fino a sera, rendendo difficile e più faticoso ogni semplice gesto, più spinoso ogni rapporto personale.
Alla base dello stress ci possono essere svariati motivi, ecco però a voi 5 semplici trucchi per affrontare queste situazioni e vincere la battaglia quotidiana contro lo stress!

Page 4 of 41234